Reggio Emilia

Reggio Emilia e la Storia

Reggio Emilia è un città dell'Emilia Romagna che occupa la zona meridionale più vicina alla pianura padana.

Confinante da un parte con la città di Parma e dall'altra con la città di Modena è attraversata dal torrente Crostolo; il suo territorio pianeggiante conosce un urbanizzazione sempre crescente ormai dagli inizi del 1900, riconducibile senza dubbio all'alto livello di occupazione della zona e complessivamente ad una buona qualità di vita.

Dove

Fanno parte del Comune di Reggio Emilia le seguenti frazioni e località: Ville di Gaida, Cadè, Cella, Roncocesi, Cavazzoli, Pieve Modolena, Sesso, San Prospero, Mancasale, Pratofontana, Massenzatico, Gavassa, San Maurizio, Masone, Castellazzo, Bagno, Marmirolo, Sabbione, Roncadella, Gavasseto, Fogliano, San Pellegrino, Ospizio, Canali, Rivalta, Coviolo, San Bartolomeo, Codemondo.

Storicamente sappiamo che in epoca Romana il nome di questa città era Regium Lepidi in onore di Marco Emilio Lepido suo fondatore e primo ad aprire la via Emilia.

Durante l'età Romana la città divenne Comune e conobbe un periodo di grande attività e fermento; quasi interamente spospolata a seguito della caduta dell'Impero, con la conquista dei Longobardi nel VI secolo la sua denominazione cambierà in Reggio di Lombardia nome che verrà mantenuto per tutto il Medioevo.

Nel Medioevo, dopo essere divenuta sede arcivescovile la città divenne libero Comune, per poi conoscere a partire dal XV secolo il dominio degli estensi.

I secoli XVII e XVIII furono caratterizzati da momenti di crescita e sviluppo con la realizzazione di importanti opere architettoniche religiose e civili, alternati a momenti di feroci conflitti interni, saccheggi e devastazioni.

Nel 1797 a seguito delle invasioni Napoleoniche si costituì la La Repubblica Cispadana, con l'unione delle città di Bologna, Modena e Ferrara; successivamente con l'ingresso dei territori della Lombardia e di una parte di Toscana e Veneto, la Repubblica Cispadana divenne Repubblica Cisalpina.

Nel 1797 si data anche la nascita del tricolore che successivamente verrà assunto come la bandiera della Nazione Italiana. Reggio Emilia nel 1860 venne annessa al Regno di Sardegna che nel 1861 divenne Regno d'Italia.

Da quel momento il nome della città diventerà e resterà quello attuale.

Reggio Emilia avrà un ruolo importante nella seconda guerra Mondiale la città sarà fortemente impegnata nella resistenza prendendo attivamente parte alla lotta per la liberazione e ricevendo per questo, la medaglia d'oro al valore militare a celebrazione e riconoscimento dell'impegno profuso e delle sofferenze subite dalla sua popolazione.